Comune di Grugliasco

Questo sito utilizza cookies tecnici e analitici. Informazioni alla sezione Privacy in "Amministrazione Trasparente - Altri contenuti"

Cliccando su "APPROVO" o continuando la navigazione, dichiara di aver compreso le modalità di trattamento. Per saperne di piu'

Approvo

14 OTTOBRE 2019 – GRUGLIASCO HA CELEBRATO LA GIORNATA PER LE VITTIME DEGLI INCIDENTI SUL LAVORO PRESSO IL GIARDINO VITTIME SUL LAVORO

Domenica 13 ottobre l’ANMIL ha celebrato in tutta Italia la 69ª edizione della Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

A Grugliasco, la giornata si è svolta lunedì 14 ottobre, alle 11.30, presso il giardino Vittime sul lavoro di via Cln, via Latina, via Leon del Nicaragua e via Barberà del Valles. Hanno partecipato, oltre al sindaco Roberto Montà, anche alcuni rappresentanti di famiglie di vittime del lavoro tra cui i parenti dell’ex consigliere comunale ed ex lavoratore Sia (Società italiana amianto di Grugliasco), Dino Mercante morto per mesotelioma maligno, il tumore raro che colpisce più frequentemente gli uomini ed è associato soprattutto all'esposizione all'amianto.

Insieme hanno scoperto la nuova targa dedicata ai caduti e installata proprio nel giardino caduti sul lavoro intitolato a tutte le vittime morte sul lavoro.

La memoria dei grugliaschesi, però, va sicuramente ai 237 lavoratori morti per l’amianto trattato nell’ex stabilimento Sia di via Cln, proprio a ridosso del giardino, dove è stato collocato il comando della Polizia locale di Grugliasco. Intorno giardini e palazzi recenti. Solo alberi di alto fusto rimandano a 30 anni fa. Insieme al basamento dell’antica ciminiera e alla palazzina degli uffici, bonificata. Accanto all’ingresso del Comando della Polizia una targa ricorda: “Lavorare per la prevenzione onora il sacrificio delle vittime inconsapevoli dell’amianto”.

«Il 29% dei lavoratori Sia - Società italiana amianto di Grugliasco - deceduti – spiega il sindaco Roberto Montà – era stato colpito da tumori di origine professionale o da asbestosi. Una strage silenziosa delle medesime proporzioni del disastro Eternit. Più nascosta, contenuta nei numeri (237 morti per l’amianto su 824 lavoratori scomparsi), ma con tanti altri ammalati dei 2542 dipendenti che vi lavorarono nell’arco del Novecento. Vogliamo ricordare loro e sensibiilizzare oggi alla sicureza sul posto di lavoro».

Il sindaco ha anche ricordato gli altri morti sul lavoro grugliaschesi tra cui l’agricoltore Angelo Morano, travolto dal suo trattore carico di grano e morto a 58 anni lo scorso 16 ottobre 2017.

Foto di Rolando Capozzoli

icophoto1 icovideo1 icorss1

© 2012 Comune di Grugliasco (TO), Piazza Matteotti, 50 - CAP 10095, T. 011 4013263/264 P.IVA 01472860012 - grugliasco@cert.ruparpiemonte.it