Il piano dell'Offerta Formativa da scegliere on line per la scuola sul territorio di Grugliasco

LA STORIA DEI 68 MARTIRI DI GRUGLIASCO ED IL PERCORSO DELLA MEMORIA

Rate this item
(0 votes)

Additional Info

  • CHI : A.N.P.I. - Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, Ente Morale D.L. n°224 del 5 aprile 1945 Sezione “68 Martiri” Grugliasco
  • REFERENTI: Fulvio Grandinetti , tel. 349/8880282
  • email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • PER CHI: Attività rivolta a tutte le scuole cittadine di ogni ordine e grado
  • DOVE: Presso le scuole aderenti e sui luoghi della memoria nel territorio di Grugliasco
  • QUANDO: marzo, aprile e maggio
  • PERCHE':

    Per educare gli studenti alla cittadinanza, ai valori della Resistenza e della Costituzione conquistati con la Guerra di Liberazione Nazionale dal Nazifascismo

    Per far conoscere la storia dei 68 Martiri di Grugliasco e Collegno

    Per far conoscere la storia delle radici della Repubblica italiana, nata dalla Resistenza

    Per stimolare il ragionamento autonomo e il confronto a piccoli gruppi

    Per stimolare collegamenti tra la memoria storica e l’attualità della Costituzione

    Per far conoscere l’A.N.P.I. agli studenti

     

  • CHE COSA:

    L’attività rappresenta un laboratorio di memoria e cittadinanza studiato appositamente per le scuole, come strumento per avvicinare gli studenti alla storia della strage nazifascista dei 68 Martiri avvenuto a Grugliasco il 29 e 30 Aprile 1945 e a fatti, luoghi e personaggi di Resistenza locale.

    Sono previste due attività distinte:

    1) Incontro in classe: inquadramento storico nel quale avviene la strage dei 68 Martiri, l'insurrezione popolare, la Liberazione di Torino da parte dei Partigiani, la ritirata dei nazifascisti.

    2) Percorso della memoria: passeggiata sui luoghi della memoria dei 68 Martiri e alle lapidi dei Caduti presenti a Grugliasco, animati con letture, testimonianze e riflessioni su Resistenza, Pace, Costituzione.

    Il percorso prevede le tappe fondamentali del centro storico di Grugliasco dal Monumento ai caduti di viale Echirolles, alle lapidi presenti in via Lupo, piazza 66 Martiri, viale Giustetti fino al pilone di San Giacomo in piazza papa Giovanni XXIII e ritorno.

    I ragazzi verranno guidati in questa esperienza per imparare a rispondere alle seguenti domande:

    "Chi sono i 68 Martiri di Grugliasco e Collegno? Dove sono avvenuti gli scontri tra partigiani e nazifascisti? Da dove arrivava la colonna motorizzata nazifascista che ha massacrato civili e partigiani? Era composta solo da tedeschi o c'erano anche italiani al suo seguito? In quali punti della città sono stati uccisi i 68 Martiri e dove sorgono i monumenti che li ricordano? Dove sono stati tenuti prigionieri i partigiani e i civili rastrellati a Grugliasco e Collegno? Quanti si sono salvati dalla strage e come? Ci sono stati cittadini grugliaschesi che hanno aiutato i nazifascisti a compiere la strage? Perché è importante continuare a tramandare la storia dei 68 Martiri?"

    Le attività sono modificabili in base alle necessità della scuola, dei docenti e degli studenti.

     

    Ogni attività del laboratorio dura indicativamente 2 ore e le attività sono modificabili in base alle necessità della scuola, dei docenti e degli studenti. 

     

  • COME:

    Per iscrizioni e informazioni inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando giorno, ora e classe di richiesta del laboratorio o contattando direttamente il referente Fulvio Grandinetti:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    349/888028

    TERMINE PRENOTAZIONE TASSATIVO ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2017

    Il numero massimo di classi coinvolgibili è 30.

     

     

  • Costi: Attività gratuita
  • NOTE INFORMATIVE:

    Gli incontri sono coordinati e gestiti dai volontari dell’A.N.P.I.

Read 4232 times