Comune di Grugliasco

Città della Conciliazione

Le Città:

è spazio, creato da luoghi stretti e luoghi dispersivi, da posti pensati per gli adulti, da posti riservati ai bambini/e;

è tempo, scandito in momenti di attesa, di indifferenza, di efficientismo;

è relazione proposta dagli ambienti, fra incontro e confronto di culture diverse e persone differenti;

è sapere, raccolto nelle sue strade, nella sua organizzazione, nella sua storia. (L. Guerra)


LA CITTÀ UNIVERSITARIA DELLA CONCILIAZIONE è un’infrastruttura innovativa e pertinenziale al Polo delle Facoltà Scientifiche dell’Università degli Studi di Torino sita sul territorio ella Città di Grugliasco.

Si compone di servizi tesi congiuntamente a perseguire la mission del Centro: FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DELLA FAMIGLIA, tempi di vita degli adulti e tempi di crescita dei bambini, tempi di vita lavorativa e tempi dedicati al relax, il tutto per sostenere il BENESSERE fisico, psichico, sociale, alimentare, in senso globale della PERSONA e della FAMIGLIA.

L’infrastruttura costituisce un esempio in Europa di Conciliazione e si caratterizza, dunque, per il suo carattere fortemente innovativo sia per quanto riguarda il processo che lo ha reso possibile che per la complessità del Progetto stesso.

Il Progetto è stato finanziato dal FSE 2000-2006 ob. 3 Asse E Misura E1 e sul FESR DOCUP 2000-2006 ob. 2 Misura 3.4 Regione Piemonte 

 

2001: DALL'IDEA AL PROGETTO

L’IDEA PROGETTUALE

di realizzare la Città Universitaria della Conciliazione costituisce la traduzione dei risultati del progetto “La Città Universitaria della Conciliazione” promosso dal Comitato Pari Opportunità (CPO) dell’Università degli Studi di Torino e finanziato sui fondi 2002 del FSE 2000-2006 ob. 3 Misura E1 del POR della Regione Piemonte. Da un’indagine condotta nel marzo 2001 dal CPO dell’Università degli Studi di Torino era emersa, infatti, la necessità di servizi all’infanzia per coloro che erano impegnati in attività di lavoro, insegnamento e studio presso il Polo Universitario di Grugliasco.

E’ seguita un’attività di collaborazione, nata nel 2001, da un impegno congiunto tra il CPO dell’Università degli Studi di Torino e la Città di Grugliasco, che ha portato alla firma, nel febbraio 2002, di un protocollo d’intesa che ha coinvolto numerosi soggetti ed istituzioni del territorio impegnati a soste-

nere l’idea progettuale. Nel 2002, il CPO dell’Università degli Studi di Torino, in collaborazione con S.&T. soc. coop., in qualità di soggetto attuatore, ha presentato ed ottenuto il finanziamento del progetto “La Città Universitaria della Conciliazione” sul FSE 2000-2006 Ob. 3 Mi- sura E1 del POR della Regione Piemonte: è stato così definito il modello innovativo di una struttura funzionale al nuovo Polo delle Facoltà Scientifiche dell’Università di Torino, nonché alla Città di Grugliasco stessa in forma di asilo nido, servizi all’infanzia e di integrazione in orari e periodi di chiusura delle scuole, con l’obiettivo di offrire la disponibilità di servizi di qualità e flessibili, ai lavoratori e alle lavoratrici dell’Università, nonché ai cittadini e alle cittadine di Grugliasco. Il progetto ha coinvolto attivamente, oltre al CPO dell’Università degli Studi di Torino ed alla Città di Grugliasco, l’Università degli Studi di Torino, in particolare le Facoltà di Agraria,

di Medicina Veterinaria, di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, di Economia, di Scienze della Formazione e di Psicologia, la I Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, l’Agenzia Servizi per gli studenti dell’Università degli Studi di Torino, la Provincia di Torino-Assessore alle Pari Opportunità, la IX Commissione Consiliare Pari Opportunità della Provincia di Torino, la Consigliera di Parità della Provincia di Torino, la Consigliera di Parità della Regione Piemonte, la Commissione Regionale Pari Opportunità del Piemonte, l’ASL 5, l’Associazione Donne & Scienze, il Centro UNESCO di Torino e il CIRSDe. 

2002-2004: LA METODOLOGIA

I soggetti firmatari del protocollo di intesa sono stati coinvolti nel Comitato di Pilotaggio per la realizzazione del progetto insieme ad altri soggetti e istituzioni.

Le attività previste erano rivolte alla Ricerca, alla Definizione del modello psico- pedagogico, insediativo, gestionale- finanziario ed alla Diffusione dell’iniziativa.

La Ricerca ha visto intraprendere l’Analisi delle esigenze dell’utenza, l’Analisi delle risorse del territorio, il Reperimento e l’analisi di esperienze in atto sul territorio nazionale ed internazionale, la Promozione di una rete fra le Università che erogano servizi di supporto, l’Individuazione di strategie e soluzioni innovative trasferibili di servizi per l’infanzia.

La Metodologia seguita per la definizione del Modello psico- pedagogico, gestionale ed insediativo ha visto la Costituzione di tre

gruppi di lavoro interdisciplinari, la Definizione da parte dei gruppi delle linee guida per la realizzazione della Città Universitaria della Conciliazione presso il Polo Universitario di Grugliasco, l’Elaborazione finale di un modello integrato.

Nell’aprile 2004 veniva realizzato un Workshop di progettazione architettonica, per la definizione del modello insediativo. 

2004-2007: IL FINANZIAMENTO E LA REALIZZAZIONE DELL'OPERA

Nel 2004, in base del modello funzionale e delle soluzioni architettoniche emerse dal workshop di progettazione, che ha coinvolto studenti della I Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino e della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino, si è avviata la fase di realizzazione dell’opera.

In particolare, la Città di Grugliasco unitamente all’Università degli Studi di Torino ed al Politecnico di Torino, per il tramite del Dipartimento di progettazione architettonica e di disegno industriale (DIPRADI) e della I Facoltà di Architettura,

ha deciso di portare avanti il progetto affinché il modello potesse trovare una sua effettiva e concreta realizzazione, mediante la sottoscrizione di un Accordo di programma preliminare.

Nel 2005, per rendere concreto il modello innovativo di insediamento universitario della Città Universitaria della Conciliazione, la Città di Grugliasco, d’intesa con l’Università degli Studi di Torino e con il Politecnico di Torino, ha candidato l’idea progettuale a finanziamento sui Fondi del DOCUP ob. 2 Misura 3.4, ottenendo un finanziamento dalla Regione Piemonte pari a 4.490.255,00 euro, anticipando così le modalità attuative della programmazione 2007-2013 dei Fondi Strutturali in cui il FESR e il FSE sono strettamente integrati.

Il progetto architettonico è stato elaborato dal DIPRADI - Politecnico di Torino, e dalla società di ingegneria ATC Project.to s.r.l di ATC Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino.

A seguito del procedimento di gara, i lavori di realizzazione dell’opera sono stati affidati al Gruppo SAE F.Y.B. ati.

 

Pur avendo ricevuto il finanziamento regionale pari a 4.490.255,00 euro

è stato necessario integrare tale cifra con un co-finanziamento che è stato garantito da:

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino con fondi della Regione Piemonte per l’edilizia Universitaria

Provincia di Torino 

Comune di Grugliasco 

2007-2009 L'ARCHITETTURA ED I LAVORI

Un unico grande cantiere da corso Torino a via Cravero

 

IL PROGETTO ARCHITETTONICO è stato predisposto da:

DIPRADI Dipartimento di Progettazione Architettonica e di Disegno Industriale - Politecnico di Torino e da Società di ingegneria ATC Project.to s.r.l di ATC Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino.

I lavori per la realizzazione della Città universitaria della Conciliazione hanno riguardato l'area di via Cravero e Corso Torino. 

 

L’avanzamento dei lavori della Città universitaria della Conciliazione è stato ufficialmente presentato, in occasione del 1° Festival del Sapere Scientifico e tecnologico, al padiglione La Nave del Parco culturale Le Serre, dalla Città di Grugliasco, Regione Piemonte, Università degli Studi di Torino e Politecnico. 

 

Erano presenti il sindaco di Grugliasco Marcello Mazzù, l’Assessore all’Istruzione della Città di Grugliasco Stefano Colombi, il Rettore dell’Università di Torino Ezio Pelizzetti, il vice Rettore del Politecnico di Torino Carlo Giammarco, il Preside della Facoltà di Agraria Bruno Giau e della Facoltà di Medicina Veterinaria Bartolomeo Biolatti, l’Assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Torino Aurora Tesio e Giorgio Ardito, presidente Atc.

Il progetto è stato presentato dagli Architetti del Dipradi.

 

Scarica le foto del cantiere e i rendering della Città Universitaria della Conciliazione di Grugliasco:

1. http://www.comune.grugliasco.to.it/dlFiles/000041.jpg

2. http://www.comune.grugliasco.to.it/dlFiles/Cantiere%20Città%20conciliazione2.JPG

3. http://www.comune.grugliasco.to.it/dlFiles/Cantiere%20Città%20conciliazione3.JPG

4. http://www.comune.grugliasco.to.it/dlFiles/Cantiere%20Città%20conciliazione_rendering.JPG

5. http://www.comune.grugliasco.to.it/dlFiles/interno.jpg 

2009-2010: INAUGURATA LA CITTÀ UNIVERSITARIA DELLA CONCILIAZIONE

Nel febbraio 2010, il Progetto è stato individuato dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri quale buona pratica nazionale ed è stato presentato a Bruxelles nell’ambito dell’High Level Group on gender mainstreaming in structural fund.

Infanzia, Benessere, Famiglia, Cultura Ludica, Ristorazione, Politiche di Genere, Formazione e posti di lavoro, sono le parole chiave intorno alle quali ruota il tema trasversale della Conciliazione.

Il Centro di Conciliazione è strutturato in tre aree complessive:

Spazi per L’Infanzia

Spazi per il Benessere e la Famiglia e la Documentazione

Spazi per la Ristorazione.

Dall’avvio del Progetto ad oggi le esigenze sociali sono mutate e lo scenario attuale mette in luce, sempre più, l’esigenza della conciliazione tra i tempi di crescita dei bambini ed i tempi, sempre più variegati, delle famiglie e del mondo lavorativo.

L’investimento di fondi pubblici per la realizzazione dell’opera è stato rilevante, tuttavia, considerata l’esigenza del contenimento della spesa pubblica e riconoscendo, secondo il principio della sussidiarietà previsto dalla Costituzione, il ruolo delle parti sociali e del terzo settore nella gestione dei servizi, vi è fra gli obiettivi del progetto il sempre maggior coinvolgimento di questi ultimi.

2011: IN ARRIVO IL FOTOVOLTAICO...

Su mandato dell'Amministrazione comunale, la Società Le Serre sta procedendo

all'attuazione del progetto Fotovoltaico sugli edifici pubblici della Città.

 

L'attività è inserita nell'ambito del Progetto “Piemonte Fotovoltaico” che intende

promuovere sul territorio della Regione Piemonte la produzione di energia elettrica

attraverso la tecnologia fotovoltaica, la diffusione della cultura di

auto-produzione e lo sviluppo della generazione distribuita. 

Scopo del progetto è una maggiore attenzione all'ambiente in quanto i pannelli fotovoltaici prevedono la totale assenza di qualsiasi tipo di emissione inquinante, il risparmio di combustibili fossili e affidabilità degli impianti dato che non esistono parti in

movimento. 

Inoltre, l'attività consentirà di beneficiare, grazie all'incentivo statale, di un margine operativo da reinvestire nella gestione delle varie strutture su cui sono posizionati gli impianti.

 

A seguito del successo del Progetto Nave Solare, che ha previsto l'installazione di un impianto fotovoltaico da 50 KWp sul tetto dell'edificio la Nave all'interno del Parco Culturale Le Serre; la Società ha deciso di installarlo anche sulla Città Universitaria della Conciliazione, sita in via Fratel Prospero 41. Si tratta di un impianto di 176 KWp distribuito sui due edifici che costituiscono la struttura. 

L'installazione è stata affidata alla ditta Eas Italia srl di Varese, aggiudicatrice in seguito a procedura di evidenza pubblica, che ha dato inizio ai lavori di posizionamento a metà febbraio 2011: l'impianto, salvo imprevisti, entrerà in funzione entro il mese di aprile.

L'investimento complessivo, pari ad euro 496.000,00, è stato finanziato con mutuo

chirografario per la durata di anni 15 concesso dalla Banca del Piemonte.

 

L'energia prodotta dai pannelli sull'Edificio Est sarà completamente ceduta, mentre quella

prodotta dai pannelli sull'Edificio Ovest sarà ceduta con autoconsumo in modo tale

da poter risparmiare 102,9 tonnellate annue di CO2.

 

La Città Universitaria della Conciliazione potrà così confermarsi un edificio di ultima generazione: dalle caratteristiche architettoniche all’idea che vi è alla base sulla conciliazione dei tempi, delle attività e degli spazi, fino all’attenzione alla produzione di energia attraverso pannelli fotovoltaici. 

GLI OBIETTIVI FUTURI

I prossimi obiettivi sono:

 

Consolidare la gestione e conoscenza della Città Universitaria della Conciliazione in ambito territoriale ed extra- territoriale in linea con la mission del progetto.

Offrire all’Università ed alla Città una proposta di conciliazione tra vita familiare e lavorativa

 

Tracciare e diffondere le linee educativeche non coinvolgano unicamente gli ambiti classici della età evolutiva, ma diventino cultura dell’infanzia e dell’adolescenza.

 

Coinvolgere gli operatori economici nell’accudimento dei figli dei lavoratori, nei processi di sostegno all’educazione in quanto partecipi del contesto educativo e culturale dell’area in cui sono insediati.

 

Orientare, attraverso un’offerta di formazione più mirata al benessere, i processi di crescita delle giovani generazioni.

 

Allestire luoghi euristici, di scoperta, i bambini, esplorando un mondo fatto di tempi, di cose e di relazioni diverso da quello “di casa”, si avviano a costruire la loro identità.

 

Sviluppare un modello di formazione per tutti i soggetti coinvolti.

 

Promuovere sinergie tra le risorse pubbliche e private.

 

Favorire le Associazioni di volontariato in collaborazione con la Città e l’Università

 

Favorire la sperimentazione e la creazione di modelli e processi orientati, fin dai primi anni di vita, all'attitudine all'apprendimento lungo l'intero arco della vita

 

Creare un ambiente atto a consolidare i legami famigliari e garante di diritti ed opportunità.

 

Creare opportunità di lavoro.

 

Sostenere il Benessere orientato dal bisogno, ma volto a valorizzare le risorse attive della persona, superando l’ottica dell’istituzione e dell’assistenzialismo.

 

I SERVIZI

Infanzia, Benessere, Famiglia, Cultura, Ludica, Ristorazione, Politiche di Genere, Formazione e posti di lavoro, sono le parole chiave intorno alle quali ruota il tema trasversale della Conciliazione.

Il Centro di Conciliazione è strutturato in tre aree complessive:

Spazi per L’Infanzia

Spazi per il Benessere e la Famiglia e la Documentazione

Spazi per la Ristorazione.

 

La Città della Conciliazione oggi si configura con i seguenti servizi:

 

l'Asilo Nido 

da settembre 2011 in concessione al Consorzio NAOS

INFO:

tel. 0110676293

 

Scuola Micheal (Pedagogia Steiner Waldorf) a cura dell’Associazione Pedagogica “Chicco di Grano”, già attiva sul territorio grugliaschese da molteplici anni, 

INFO:

SEGRETERIA

tel. 331.527.13.99

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.chiccodigrano.it

 

Spazio Cultura Ludica e Scientificadedicato al Gioco ed alla Cultura del Gioco, sono avviati laboratori sui giocattoli della tradizione popolare rivolte alle scolaresche.

INFO:

Servizi Educativi Territoriali del Comune di Grugliasco

tel. 0114013335

 

Laboratori Permanenti sulla Matematica, in collaborazione con il Museo Regionale di Scienze Naturali ed il Dipartimento di Matematica dell’Università di Torino, rivolti agli alunni delle scuole.

INFO:

Ufficio Scuola del Comune di Grugliasco

tel. 0114013312/324

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Punto Ristoro gestito dalla Cooperativa Pausa Cafè

INFO:

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

sito http://www.pausacafe.org

 

Associazione Città del Bio, l’Associazione dei Comuni che promuove la Cultura del Biologico, 

INFO:

SEGRETERIA

Tel. 011 7808166 

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

sito http://www.cittadelbio.it

 

Centro Benessere ACQUA RELAX gestito dall'Associazione Centro Europa01, sono previsti percorsi acqua relax, massaggi personalizzati, trattamenti HAMMAM, sauna e bagno turco.

INFO:

SEGRETERIA

tel. 0110206446

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Spazi per la Famiglia: Sono avviati i Corsi di Accompagnamento alla Nascita gestiti dagli operatori dell’ASLTO3 ed altre iniziative rivolte al sostegno alla genitorialità.

INFO:

Via Lanza, 52 Grugliasco

tel. 0114017616

 

Via Torino, 1 Collegno

tel. 0114017853

 

Piazza Europa Unita, 2 Collegno

tel. 0114154466

 

Spazio di Ascolto INCONTRAFAMIGLIE dell’Associazione La Cicogna

INFO:

tel. 011/282683 (lunedì e mercoledì ore 9-11)

sito http://www.associazione-lacicogna.it

 

Spazio di Documentazione Pari Opportunità di genere e sull’Innovazione Pedagogica: in allestimento il luogo di documentazione e diffusione sulle politiche delle pari opportunità e sul tema della conciliazione lavoro-famiglia.

Previste iniziative legate alla promozione e al sostegno delle Pari Opportunità nei contesti dell’Associazionismo, della Genitorialità, della prevenzione alla Violenza, della Salute e Prevenzione, della giornata dedicata alle donne, della disabilità per una Città senza barriere.

 

Per INFORMAZIONI:

Società LeSerre

Via Fratell Prospero, 41

 

Segreteria: Martedì e Giovedì

Ore 14-18

 

Telefono 0110676293

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

icophoto1 icovideo1 icodown1 icorss1

© 2012 Comune di Grugliasco (TO), Piazza Matteotti, 50 - CAP 10095, T. 011 4013000, P.IVA 01472860012 - grugliasco@cert.ruparpiemonte.it