Novità IMU 2022

Ultima modifica 16 maggio 2022
L'Imu 2022 va versata in due rate con scadenza 16 giugno e 16 dicembre.

Le aliquote per il pagamento dell'Imu 2022 rimangono invariate rispetto al 2021.

I riferimenti sono il Regolamento Imu 2020 e le aliquote 2020/2021, riportate nella tabella sottostante:

 

0,10 per cento

ALIQUOTA PER:
FABBRICATI RURALI AD USO STRUMENTALE

0,00 per cento

ALIQUOTA PER:
IMMOBILI DELLE IMPRESE COSTRUTTRICI DESTINATI ALLA VENDITA FINTANTO CHE PERMANGA TALE DESTINAZIONE E NON SIANO IN OGNI CASO LOCATI

1,06 per cento
quota di competenza dello Stato: 0,76%
quota di competenza del comune: 0,30%

ALIQUOTA PER:
IMMOBILI AD USO PRODUTTIVO IN CATEGORIA CATASTALE D

0,338 per cento
aliquota 0,45% ridotta del 25%

ALIQUOTA PER:
UNITÀ IMMOBILIARI LOCATE CON CONTRATTO A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA LEGGE 9/12/1998, N. 431, ART. 2, COMMA 3. LA RIDUZIONE NON SI APPLICA ALLE EVENTUALI PERTINENZE.

0,795 per cento
aliquota 1,06% ridotta del 25%

ALIQUOTA PER:
UNITÀ IMMOBILIARI LOCATE CON CONTRATTO A CANONE CONCORDATO DI NATURA TRANSITORIA AI SENSI DELLA LEGGE 9/12/1998, N. 431, ART. 5, COMMA 1, 2 e 3

1,06 per cento

ALIQUOTA PER TERRENI AGRICOLI

1,06 per cento

ALIQUOTA ORDINARIA:
IMMOBILI DIVERSI DALL’ABITAZIONE PRINCIPALE E DAI PRECEDENTI

 

 

 

 

 

 

NOVITA' IMU 2022

  • Riduzione IMU per i pensionati residenti all’estero 
    La legge n. 178/2020 ha introdotto una novità Imu per i residenti all'estero che possiedono immobili nel nostro paese: con il comma 48 di tale legge viene introdotta una nuova agevolazione. Infatti, dal 2021 per un'unica unità immobiliare ad uso abitativo, non locata né concessa in comodato d'uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti residenti all'estero, titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, l'Imu è dovuta al 50 per cento. Limitatamente all'anno 2022 (come previsto dall'art. 1, comma 743, della Legge 234/2021- Legge di Bilancio 2022) è ridotta al 37,5% l'IMU relativa ad una sola unità immobiliare ad uso abitativo, non locata o non data in comodato d'uso, posseduta in Italia a titolo di proprietà o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall'Italia. Ciò significa che, mentre nel 2021 per tali soggetti la riduzione d’imposta era pari al 50%, nel 2022 essa sale al 62,5%. Poiché l'agevolazione è applicabile a un'unica unità immobiliare, il soggetto passivo che possiede più alloggi in Italia è tenuto, anche ai sensi della risoluzione n.10/DF Mef del 15/11/2015, a presentare dichiarazione al comune nel quale è ubicato l'immobile su cui si richiede l'agevolazione. In essa andrà barrata la casella riduzione, indicando nelle annotazioni che ricorrono i requisiti richiesti.
  • Esenzione IMU "Beni merce” (art. 1, comma 751, della L. 160/20219 - Legge di Bilancio 2020). A decorrere dal 1° Gennaio 2022 sono esenti dall’IMU i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, finché permanga tale destinazione e non siano locati. Resta obbligatoria la presentazione della dichiarazione IMU a pena di decadenza.
  • Abitazione principale (art. 5-decies del DL. 146/2021, conv. nella L. 215/2021). La norma dispone che nel caso in cui i membri del nucleo familiare abbiano stabilito la residenza in immobili diversi - siti nello stesso comune oppure in comuni diversi - l’agevolazione prevista per l’abitazione principale spetti per un solo immobile, scelto dai componenti del nucleo familiare. La scelta dovrà essere comunicata per mezzo della presentazione della dichiarazione IMU al Comune di ubicazione dell’immobile da considerare abitazione principale: nel modello dichiarativo, va barrato il campo n. 15 relativo all'esenzione e nelle annotazioni, va riportata la seguente dicitura: "Abitazione principale scelta dal nucleo familiare ex art. 1, comma 741, lett. B della legge n. 160 del 2019". La dichiarazione per l’anno fiscale 2022 dovrà essere presentata entro il 30/06/2023.
  • Esenzione immobili Cat. D3 (art. 78, comma 1, lett. d), e comma 3 del D.L. 104/2020). Per il 2022, così come per il Saldo 2020 e per l’anno 2021, resta confermata l’esenzione dal versamento IMU per gli immobili destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli (ossia gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3), a condizione che i relativi proprietari siano anche i gestori delle attività ivi esercitate.
  • Riduzioni. Rimangono invariate la riduzione del 50% per i comodati gratuiti a famigliari (Legge di Bilancio 2019, all’articolo1 del comma 1092), (ma solo in presenza dei necessari requisiti previsti dal Regolamento Comunale del 2016) e la riduzione del 25% per gli immobili locati a canone concordato a patto che il contratto preveda l’obbligo di registrazione per poter ottenere lo sgravio fiscale.
  •  

Anutel 2022  Calcolatore IMU 2022

 

Per quanto riguarda le disposizioni normative e regolamentari dell'Imu 2020, si rimanda alla apposita sezione "Nuova Imu 2020".