Ambrosia Artemisiifolia

Ultima modifica 31 agosto 2020

Ambrosia Artemisiifolia

Il contatto con una pianta erbacea spontanea della specie Ambrosia artemisiifolia L., infestante, diffusa nelle aree di pianura in terreni aridi o incolti (bordi stradali, massicciate ferroviarie, giardini pubblici, ecc…), dotata di forte odore allergico, induce, in soggetti sensibili, importanti manifestazioni allergiche, quali rinite, asma, congiuntivite ed allergie da contatto, prevalentemente da fine luglio a fine ottobre.

Per informare quanti possano entrare in contatto con la specie, è stato pubblicato un sintetico opuscolo divulgativo, disponibile sul sito ufficiale della Regione Piemonte, e qui inserito in pdf, destinato all’informazione della cittadinanza e degli addetti alla manutenzione del verde

pubblico.

Il Sindaco del Comune di Grugliasco ha emanato nel 2014, apposita Ordinanza n. 6496, tuttora vigente, finalizzata a contenere le allergopatie da diffusione di questa pianta infestante.

Essa è rivolta a:

  • proprietari, possessori e/o conduttori di terreni agricoli, di aree verdi incolte e di aree industriali dimesse, di aree edificabili libere e non utilizzate, di aree recanti depositi all'aperto
  • responsabili di cantieri edili e stradali, attivi e non
  • amministratori degli stabili con annesse aree pertinenziali

che sono tenuti, ciascuno per le proprie competenze, a vigilare sull’eventuale presenza di Ambrosia artemisiifolia L. nelle aree di loro pertinenza, nonché ad eseguire, accertata la presenza della pianta, interventi di manutenzione e pulizia che prevedano sfalci sufficienti (in tempo utile) ad evitare la maturazione di infiorescenze con conseguente emissione di polline.

Altre informazioni sono reperibili da qui sul sito della Regione Piemonte, ove è disponibile anche la recente Circolare regionale prot. 6499/A1401A del 17 marzo 2016: "Prevenzione delle allergopatie da Ambrosia Artemisiifolia L. in Piemonte", contenente consigli utili per la prevenzione delle allergopatie e per gli interventi di diserbo efficaci ai fini del contenimento della diffusione della pianta infestante.

Allegati: