Pubblicazioni di matrimonio

Ultima modifica 3 maggio 2019

Le pubblicazioni di matrimonio sono obbligatorie e non possono essere effettuate prima di 6 mesi dalla data presunta del matrimonio per:

  • cittadini italiani di cui almeno uno residente in Grugliasco, interessati a contrarre matrimonio civile, concordatario(cattolico) o di altri Culti acattolici ammessi dallo Stato Italiano, da celebrarsi in questo Comune o in altri Comuni (su delega);
  • cittadini stranieri residenti o domiciliati o non residenti ma che contraggono  matrimonio con un cittadino italiano residente.

COME RICHIEDERE LE PUBBLICAZIONI

I nubendi devono recarsi, muniti di documento in corso di validità, all'Ufficio di Stato Civile negli orari di apertura al pubblico per presentare l'istanza di pubblicazione (almeno 3 - 4 Mesi prima del matrimonio)

Chi ha in corso o la necessità di cambiare la residenza in un altro Comune, deve avvertire immediatamente l'Uficiale dello Stato Civile.

Chi intende risposarsi (vedovi, divorziati o con matrimonio annullato) deve accertarsi di essere nuovamente in stato libero.

INOLTRE

  1. Per il matrimonio cattolico  occorre produrre la richiesta di pubblicazione del Parroco;
  2. Per i Culti acattolici ammessi dallo Stato Italiano, occorre presentare la richiesta di pubblicazione del Ministro di Culto con l'attestazione della nomina dal parte del Ministro degli Interni.

Per gli stranieri occorre inoltre presentare Nulla osta al matrimonio rilasciato dall'Ambasciata o dal Consolato del Paese di appartenenza. La firma del Console o dell'Ambasciatore deve essere legalizzata c/o la Prefettura di Torino(P.za Castello 205).

Sono esenti da legalizzazione i seguenti Stati: Austria, Belgio, Bosnia Erzegovina, Cipro, Croazia, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Liechtenstein, Lussemburgo, Macedonia, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica  Moldova, Serbia,  Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia.

I cittadini di nazionalità austriaca, svizzera e tedesca devono produrre il certificato di capacità matrimoniale, rilasciato dall'Ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza (appartenenza) nello Stato di origine (esente da legalizzazione).

Il cittadino di nazionalità norvegese deve produrre Nulla osta rilasciato dal Comune di residenza in Norvegia, tradotto da traduttore giurato in Norvegia, legalizzato con Apostille ai sensi della Convenzione dell'Aja.

Il cittadino di cittadinanza statunitense deve produrre:

  • dichiarazione giurata davanti al Console degli Stati Uniti d'America in Italia (il più vicino é a Milano) la cui firma deve essere legalizzata in Prefettura;
  • atto di notorietà che deve indicare che il cittadino può contrarre matrimonio in base alla legge dello Stato di appartenenza  con due testimoni, redatto davanti all'Autorità Italiana competente (all'Estero il Console italiano e in Italia Tribunale di Torino o Notaio)

Il cittadino di cittadinanza australiana deve produrre:

  • dichiarazione giurata davanti al Console Australiano in Italia, la cui firma deve essere legalizzata in Prefettura;
  • atto di notorietà (deve indicare che il cittadino può contrarre matrimonio in base alla legge dello Stato di appartenenza) con quattro testimoni, redatto davanti all'Autorità italiana competente (all'Estero il Console Italiano, in Italia l'Ufficiale dello Stato Civile).

Lo straniero che risulta "rifugiato politico" deve presentare:

  • certificato  rilasciato dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite in Roma, Via Caroncini 19 (telefonare prima per appuntamento);
  • copia di atto di notorietà con due testimoni effettuato presso il Tribunale di Torino;
  • documento di viaggio attestante lo stato di rifugiato politico;
  • documento d'identità valido.

ITER PROCEDURA PUBBLICAZIONE

Dopo aver effettuato l'istanza di Pubblicazione all'Ufficio di Stato Civile, circa un mese dopo, (appena l'Ufficio avrà acquisito tutta la documentazione occorrente per la pubblicazione), i nubendi dovranno prenotare il giorno della Pubblicazione (anche per via telefonica).

Il giorno della pubblicazione devono essere presenti entrambi i nubendi o essere rappresentati da un procuratore.

In quella data verranno date indicazioni riguardo al regime patrimoniale della famiglia.

Le pubblicazioni resteranno affisse all'Albo Pretorio (on-line + cartaceo) per 8 giorni consecutivi. Decorsi i termini di pubblicazione (8 + 3) per i matrimoni da celebrare in forma religiosa, l'Ufficio rilascerà la seguente documentazione:

  • Certificato di eseguita pubblicazione per il Parroco;
  • Autorizzazione alla celebrazione per il Ministro di Culto.

Gli sposi che intendono celebrare il loro matrimonio con rito civile in un altro Comune devono presentare apposita e motivata domanda in bollo al Sindaco per ottenere il nulla osta alla celebrazione in altro Comune e l'Ufficiale di Stato Civile, di Stato Civile rilascerà la delega all'altro Comune (richiesta di celebrazione).

Il matrimonio sia in forma civile, che in forma religiosa, deve essere celebrato entro 180 giorni dalla Pubblicazione di Matrimonio.

Costo della pubblicazione:

  • 1 marca da bollo se entrambi i nubendi sono residenti in Grugliasco;
  • 2 marche da bollo se uno dei due non è residente (per la richiesta di pubblicazione da effettuarsi nell'altro Comune);
  • Euro 0,26 per il rilascio del Libretto Internazionale di famiglia.