Somministrazione temporanea di alimenti e bevande

Ultima modifica 29 luglio 2020

Per somministrazione temporanea, ai sensi della L.R. 38/2006 e smi, si intende l’attività di somministrazione di alimenti e bevande svolta in occasione di fiere, feste o altre riunioni straordinarie di persone nei locali o luoghi in cui tali riunioni si svolgono e per la durata delle stesse. Rientra in tale tipologia la somministrazione effettuata nelle sagre e feste popolari di vario genere anche se organizzate da enti ed associazioni senza fini di lucro per il finanziamento e la promozione dell’attività sociale.

L'esercizio temporaneo dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande ha validità tassativamente circoscritta al periodo ed ai locali o luoghi di svolgimento della manifestazione cui si riferisce.

Per l'esercizio dell'attività di somministrazione l’interessato deve comunque osservare le norme, prescrizioni ed autorizzazioni in materia edilizia, urbanistica (con esclusione di quelle relative alla destinazione d'uso dei locali e degli edifici), ed igienico sanitaria, nonché quelle relative alla prevenzione incendi, alla sicurezza ed alla sorvegliabilità dei locali.

La somministrazione di bevande aventi un contenuto alcolico superiore al 21 per cento del volume non è consentita negli esercizi operanti nell'ambito di impianti sportivi, fiere, complessi di attrazione dello spettacolo viaggiante installati con carattere temporaneo nel corso di sagre, fiere e simili luoghi di convegno, nonché nel corso di manifestazioni sportive o musicali all'aperto.

Il sindaco può, con propria ordinanza, temporaneamente ed eccezionalmente estendere tale divieto alle bevande con contenuto alcolico inferiore al 21 per cento del volume.

La Regione Piemonte, con la DGR. 19-7530 del 14/09/2018, ha stabilito nuove procedure relative alle modalità di presentazione della SCIA e della NIA in caso di somministrazioni temporanee.

Si ricorda che occorre versare sul c/c 36922102 intestato all'ASLTO3 - Serv. Tesoreria SIAN/SVET la somma di € 36,00 e che la ricevuta di versamento DEVE essere trasmessa unitamente alla SCIA/NIA.

Secondo la D.G.R. Sopra citata sono escluse dal versamento dei diritti sanitari le attività di banqueting/catering già registrate.

PROCEDURA PER INVIO PRATICA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA ( DGR Piemonte n. 19-7530 del 14/09/2018)

Somministrazione SENZA finalità imprenditoriali

MODULI

TEMPI

ENTE RICEVENTE

MODI

SCHEDA ANAGRAFICA

Almeno 10 giorni prima della manifestazione

Comune di Grugliasco

ASL TO 3

Invio tramite PEC al Comune di Grugliasco grugliasco@cert.ruparpiemonte.it 

e all'ASL TO3 aslto3@cert.aslto3.piemonte.it

SCIA per somministrazione

Notifica sanitaria

Ricevuta versamento diritti sanitari (se dovuti)

 

 

 

 

Modulo tipologia A/B

Almeno 10 giorni prima della manifestazione

ASL TO3

PEC ASLTO3 aslto3@cert.aslto3.piemonte.it

 

Nel caso sopra descritto, si consiglia di procedere ad un unico invio tramite PEC, indirizzando contemporaneamente la pratica alle PEC degli Enti indicati. 

 

Si ricorda che in caso di attività NON imprenditoriali:

  1. non è obbligatoria la sottoscrizione digitale (formato pdf.p7m) dei documenti inviati;

  2. i documenti dovranno essere sottoscritti in forma autografa ed inviati in formato con estensione .pdfA.

Somministrazione con finalità imprenditoriali: Per informazioni e modi di invio si rimanda al  SUAP

 

ATTIVITA' ESCLUSE DA OBBLIGO DI NOTIFICA SANITARIA

  1. Degustazioni promozionali di imprese già registrate.

  1. Imprese che esercitano il banqueting/ il catering.

    ATTENZIONE: Queste imprese però DEVONO presentare :

  • al SUAP la SCHEDA ANAGRAFICA e la SCIA per la somministrazione temporanea , inviandola all'indirizzo PEC suap.gru@legalmail.it (secondo le modalità previste per il SUAP);

  • all'ASL TO3 il modulo Tipologia A/B inviandolo all'indirizzo PEC aslto3@cert.aslto3.piemonte.it, almeno 10 giorni prima della manifestazione

Vai alla Modulistica